Viva la mamma! Ma anche la figlia… Ma anche la chiffon cake al cacao

Chiffon cake al cacao

Poi arrivi a 40 (e+) anni e scopri che la madre sei diventata tu. Non di un figlio, almeno non solo e non nel mio caso, ma della tua stessa madre.

Così ti ritrovi a telefonarle più volte al giorno per sapere dov’è, con chi, cosa fa e vai nel panico se non ti risponde nel giro di 10 secondi netti.

A raccomandarle di coprirsi perché fuori fa fresco e poi si raffredda. Di portare l’ombrello, di mettere il cappello. Di non coprirsi troppo perché fuori fa caldo e poi suda. Di togliere le calze e mettere le scarpe aperte. Tanto sai che non ti darà retta su niente.

A chiederle ogni giorno se ha mangiato e cosa e di smetterla di giocare a fare la modella che non è più il caso.

A controllare che stia attenta a dove va, ma soprattutto a dove mette i piedi, che poi si spezza in due.

A ricordarle che non deve aprire la porta a chiunque, solo perché è alto e ha una bella voce.

A sgridarla perché è uscita, quando ti aveva assicurato che sarebbe rimasta in casa tutto il giorno. E non riesci a trovarla da nessuna parte, così chiami tutti i parenti, gli amici, i nemici e anche degli sconosciuti a caso. Dopo 40 minuti di inutili ricerche, quando stai già pensando a quale sua foto dare a “Chi l’ha visto”, ti chiama lei, tranquilla, per dirti che era dalle vicine (che come lei non rispondevano al telefono…). E allora perché non mi hai mandato un sms per avvertirmi invece di farmi venire un infarto alle 20 di sera? Lo sai che ti chiamo tutte le sere alle 20. Che poi per te le 20 sono come le 23, non esci mai così tardi! E lei serafica, mentre tu stai annusando i sali per riprenderti, ti risponde che era uscita solo per 5 minuti. E allora perché il tuo cellulare ha squillato invano per 27 lunghissimi minuti? E lei, con quella calma zen che farebbe impazzire un monaco buddista, ti risponde che non è vero, non ha mai squillato (perché mai ammettere che non l’ha sentito!).

Allora tu, che abiti a 500km di distanza, vorresti il teletrasporto per comparirle alle spalle e colpirla con la cornetta del telefono. E poi scomparire di nuovo.

Invece fai solo un bel respiro e speri che la prossima volta ti risponda o che almeno abbia una scusa molto valida per non farlo.

Insomma, avere una madre âgée è un po’ come avere una figlia adolescente e un po’ ribelle: non sai mai cosa farà, quando, perché e soprattutto cosa si inventerà per giustificarsi.

Non mi resta che festeggiare questa ragazzina cresciutella con una torta dal nome raffinato ma dall’esecuzione molto semplice: chiffon cake al cacao. Cioè la ciambella americana alta e sofficissima.

Per fare la chiffon, la ricetta recita che devono essere setacciati in una ciotola, in rigida sequenza, i seguenti ingredienti: 100gr. di farina 00, 50gr. di cacao amaro in polvere, 150gr. di zucchero di canna, 8gr. di lievito per dolci e 1 pizzico di sale. Ho poi fatto un buco al centro del composto e vi ho versato: 60ml. di olio di semi, 2 tuorli, 100ml. di caffè (ma va bene anche l’acqua). Ho amalgamato il tutto fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Intanto, ho montato i 2 albumi a neve fermissima, insieme a 4gr. di cremor tartaro e li ho uniti delicatamente al composto. Fatto ciò, ho versato l’impasto in una teglia in alluminio di diametro 18 con cono centrale (non è proprio quella per la chiffon cake, ma si presta bene alla cosa). Lo stampo non va né imburrato, né infarinato. Una volta nel forno caldo, ho cotto per 50 min a 160°, poi se ancora l’impasto vi sembra crudo, alzate la temperatura a 180° per altri 10 min. Una volta pronto, il dolce va raffreddato nello stampo tenuto capovolto e ad una certa distanza dal piano. Vedrete che quando freddo, uscirà da solo dal suo stampo. Decorate poi a piacere.

E poi… Tanti auguri alla mia “piccola” mamma!

Annunci

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Rosalba ha detto:

    Davvero Ali: viva la mamma ( la tua, signora deliziosa, sempre affettuosa e gentile ,viva la figlia (tu, mia cara amica, che mamma non sei ancora ma lo saresti meglio di tante altre) e viva la tua nuova ricetta golosa! !!!

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Sei adorabile!

      Mi piace

  2. la bambina ha detto:

    Orrore, aggiungere acqua o caffè ☕ tanto e’ uguale 😠 tu mi offendi

    Mi piace

    1. alincucina ha detto:

      Non sapevo fossi una purista della chiffon cake! Comunque la ricetta vuole l’acqua, ma con il cacao sta bene il caffè e io ho messo quello!

      Mi piace

  3. la bambina ha detto:

    Sono una purista del caffè 😉😘

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...