Caro Babbo Natale, la vendetta è un piatto da servire salato: struffoli cacio e pepe

Struffoli salati cacio e pepe

Caro Babbo Natale,

posso senza ombra di dubbio affermare che quest’anno sono stata, sostanzialmente, buona… Certo avrei potuto fare di meglio, ma se mi conoscessi solo un po’ ti renderesti conto da solo che potevo fare anche molto di peggio. Per cui veniamo subito al sodo… A Natale vorrei che ti concentrassi un po’, per evitare le gaffe degli anni passati.

Ti ricordi di quando ti chiesi la casa di Barbie? Quella a tre piani con ascensore di plastica gialla che faceva su e giù con la cordicella? E invece sotto l’albero trovai una casetta di legno… Dove di ascensore non c’era traccia, ma in compenso c’erano poltroncine di legno, letto di legno, divano di legno. Praticamente la casa di un piccolo fachiro, in cui la Barbie sarebbe potuta entrare solo vivisezionata.

E ricordi di quando ti chiesi una sorellina bionda con gli occhi azzurri? Dandoti “tra l’altro” la variante sesso maschile, nelle stesse sfumature di colori, nel caso le femmine fossero tutte sold out. E come finì? Che sotto l’albero trovai un Cicciobello nero con una incontinenza ingestibile e insopportabilmente piagnone, roba da soffocare per sempre in me tutti gli istinti materni presenti, passati e futuri.

Ma volevo ancora fidarmi di te e così, l’anno seguente, ti diedi un’altra possibilità: un cane. Specificando che andava bene uno yorkshire come un alano, un dalmata come un barboncino. Ma tu niente, mi portasti la versione mini e sintetica di un San Bernardo, con tanto di borraccia di legno. Ma forse, pensai, non mi ero spiegata bene io, forse avrei dovuto specificare nella letterina che volevo un cane in carne, pelo e ossa e non uno che abbaiava e zompetteva solo per gentile concessione di 4 pile stilo. Quindi archiviai il caso come un enorme misunderstanding.

Ma quando ti chiesi il Dolce Forno e tu invece ti presentasti con un set di pentoline in plasticaccia made in Taiwan impedendo il mio salto di qualità tra i fornelli? Vogliamo parlare ancora di incomprensione? Io direi più premeditazione… Ok, con il senno di poi ho capito che sapevi che in cucina non me la sarei mai cavata alla grande, ma perché essere così brutale, non concorrevo mica a Junior Masterchef, potevi ancora illudermi!

E poi ci fu il mio periodo fashion, quello in cui decisi di diventare la nuova Marta Marzotto e scalzare la sua mitica griffe da tutti i grandi magazzini del reame. E quale miglior modo per diventarlo se non ricevere in dono l’ambito gioco da tavola Gira la moda? E tu con cosa ti presentasti? Master mind! Cos’è, stavi di nuovo cercando di tarpare le ali alle mie ambizioni? Poi, capirei se ti avessi chiesto l’Allegro Chirurgo! Ma essere un pessimo stilista non è meglio che essere un pessimo chirurgo? O forse no? E poi di Master mind non mai capito le regole, mai…

Quindi, Babbo caro, quest’anno “famose a capì”, come direbbero in zona Capitale. Non è che quando ti esplicito una richiesta, tu recepisci il concetto e poi lo rielabori in base alle tue, di esigenze! Cerca per una volta di venire incontro alle mie.

Per cui sarò chiara: io quest’anno sotto l’albero voglio trovare un fidanzato! Ma uno vero, non come la storia del cane. Non ti presentare con un Ken evirato, lo voglio in carne ed ossa. Eventualmente in ossa e carne, anche se preferisco la prima opzione, ma fai tu… Lo voglio gentile, simpatico, disponibile, onesto, carino, sensibile ma molto macho, abile in cucina ma anche in altre stanze della casa, possibilmente senza fidanzate/i a corredo, che sappia commuoversi ma essere tutto d’un pezzo quando il caso lo richieda, generoso, capace di guidare un boing 777 in caso di dirottamento, fedele, in grado di montare un’intera cucina Ikea a mani nude, pronto ad ascoltarmi ma più a raccontarsi, se necessario pronto a disinnescare un ordigno bellico, socievole, provvisto di un ampio vocabolario tra cui le seguenti espressioni: scusa, ti amo, ti voglio bene, mi manchi, hai ragione, ho sbagliato, facciamo come dici tu, andiamo a cena da tua madre.

Mi sembra di essere stata sintetica, ma molto dettagliata, vedi che puoi fare. Non mi deludere…

E per farti capire cosa vuol dire non ricevere quello che ci si aspetta, invece di farti trovare i soliti biscotti di panpepato con il bicchiere di latte (che ormai avrai l’ulcera…), ti lascio una versione salata dei celeberrimi struffoli natalizi napoletani: gli struffoli cacio e pepe! Da annaffiare con un bicchiere di vino rosso. Non so se mi spiego Babbo…

Ed eccoti anche la ricetta per farteli durante tutto l’anno: disporre a fontana 400gr. di farina 00 mettendo al centro 10 gr. di sale, 100gr. di olio d’oliva, 1 uovo, pepe quanto basta e quanto piace e ½ bicchiere d’acqua. Amalgamare il tutto aggiungendo altra acqua se serve, per ottenere un impasto omogeneo e liscio. Mettere poi l’impasto a riposare per circa un’ora coperto da una pellicola. Trascorso il tempo necessario, prendere dei pezzetti e formare tanti rotolini sottili da tagliare in tocchetti da friggere un po’ per volta in olio bollente. Una volta ben dorati, scolati e raffreddati, condire gli struffoli con abbondante pecorino e pepe ed accompagnare con salumi e formaggi.

Spero la cosa ti sia stata gradita, Babbo. In caso contrario sai come mi sono sentita negli ultimi 40 e + natali.

Sempre tua.

Ali

Annunci

37 commenti Aggiungi il tuo

  1. Mr Tozzo ha detto:

    Buoni..da provare ;D

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Molto validi in caso di aperitivo!

      Liked by 1 persona

  2. Monica ha detto:

    io ti adoro!!!!!!!!!! Farò gli struffoli salati per antipasto a natale!!! che bontà grazie ALi mi regali sempre un sorriso!

    Liked by 2 people

    1. alincucina ha detto:

      Tu sei troppo di parte, tanto che non temi i miei piatti!

      Mi piace

  3. Piero ha detto:

    Ironia, sagacia e un filino di amarezza… che sapiente miscela… brava!
    Se anche questa volta B.N. dovesse fare orecchie da mercante, la prossima non sarebbe una cattiva idea aggiungere un po’ di guttalax. È ora che si dia una mossa.
    Ciao! 🙂 Piero

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Ahahah! Grazie per il consiglio, se sbaglia pure questa volta, lo metterò in atto!

      Liked by 1 persona

  4. Ma Babbo Natale con te è stato cattivissima!! Sembra più il babbo nachele di Futurama… XD comunque, fantastica idea quella degli struffoli salati!!

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Grazie! Ma spero che lui non li apprezzi, così impara a trattarmi male da sempre!

      Liked by 1 persona

      1. Oppure scopri a cos’è allergico e gli prepari qualcosa con quello u.u

        Liked by 1 persona

  5. Un’ottima ricetta condita come sempre da simpatici aneddoti…buon pomeriggio

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Grazie!! E buon week end.

      Liked by 1 persona

  6. Babbo Natale ha detto:

    Scusa, tanto per fare chiarezza ed evitare ulteriori, spiacevoli equivoci….quando chiedi un fidanzato “pronto a disinnescare un ordigno bellico”, ti riferisci al tuo precedente post, quello sul ciclo?

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Mi fa piacere che mi segui, Babbo, però vorrei che fossi più attento. Non parlo del post sul ciclo, non fare scherzi!!

      Mi piace

  7. Disciplinatore ha detto:

    Vorrei subirne anche io di simili vendette alimentari! Se mi dici dove tieni parcheggiato l’albero di Natale ci impianto sotto un inopportuno regalo.

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Ahahah! Dovresti però impiantarlo sbagliato per un tot di anni, solo così la vendetta vedrà il suo perfetto compimento!

      Liked by 1 persona

      1. Disciplinatore ha detto:

        Eccheca…speravo che con gli anni fossi diventata meno tollerante e riflessiva! Niente vendetta “servita calda”, allora… 😦

        Liked by 1 persona

      2. alincucina ha detto:

        Purtroppo ho molta pazienza…;-)

        Liked by 1 persona

  8. pornoscintille ha detto:

    Visti i precedenti, temo che potresti trovare Bruno Vespa, sotto l’albero. Se vuoi, vengo ad tenerteli fermi entrambi, mentre li affoghi (Bruno e Babbo Natale).
    Poi ci consoliamo con gli struffoli salati, che m’intrigano assai.

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Ahahah! Allora ci vediamo il 25 sotto l’albero. Terzo ramo a destra!

      Liked by 1 persona

  9. time2lifestyle ha detto:

    Il peggiore equivoco mi è capitato con un “big Jim” boscaiolo Josh

    Era brutto da far paura ed aveva la schiena che schiacciata gli faceva muovere il braccio su e giù.. Fossi in te lo aggiungerei alla lista dei “non”… A meno che tu non viva in una foresta con tonnellate di alberi.

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Hai ragione! Pensa che anche io ne avevo uno terribile che muovendo il braccio gli si girava la faccia. Paurissima!

      Liked by 1 persona

      1. time2lifestyle ha detto:

        Hanno creato un orda di mostri sotto il nome Big Jim! Comunque era più famoso lui di Ken.

        Liked by 1 persona

      2. alincucina ha detto:

        Era anche più prestante di Ken. Bassino ma prestante…

        Liked by 1 persona

      3. time2lifestyle ha detto:

        Decisamente più macho di Ken. Ora il boscaiolo barbuto è tornato di moda, visto il fenomeno Hipster ! Ken lo ricordo troppo precisino è sempre impegnato in partite di Tennis.

        Mi piace

  10. time2lifestyle ha detto:

    Spero non ti dispiaccia se ti ho taggata qui:
    https://time2lifestyle.wordpress.com/2015/12/07/tag-espressioni-dialettali/
    Non sentirti in obbligo..
    Buona giornata Tiziana

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Non mi dispiace affatto! Non so se troverò il tempo per farlo, ma ti ringrazio molto. Così ho anche scoperto che vivi in un posto bellissimo. Natale da quelle parti deve essere uno spettacolo!

      Liked by 1 persona

      1. time2lifestyle ha detto:

        Qui però negli ultimi anni la neve non arriva per Natale, siamo a 236 s/m però basta spostarsi un po’ a nord per trovarsi circondati da una magica atmosfera.

        Mi piace

  11. chicchidimela ha detto:

    Che buoni sono! Da provare

    Liked by 1 persona

  12. Tiama ha detto:

    Leggevo e pensavo ai tuoi genitori….chissà quali saranno stati i motivi per non accontentarti ma so cosa si prova! Comunque post spassosissimo, non ti conoscevo.

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Grazie! Comunque i miei poveri genitori vanno capiti, ero una bambina molto esosa…;-p

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...