La solitudine della grammatica esatta e la sua inevitabile conclusione: gelato di banane e crema di nocciole

Gelato banane cioccolatoNon sono tanto i calzini bianchi, il borsello, la camicia a maniche corte, i bermuda con le pence, no… Quello che più sconvolge e travolge al primo, al secondo, ma anche al terzo, ma anche a tutti gli altri appuntamenti è l’improvviso arrivo di un inaspettato condizionale dove proprio non era richiesto.

Non che io sia uscita dall’Accademia della Crusca, anzi…

Ma ci sono casi in cui certe frasi proprio non riesci ad ignorarle, anche perché pronunciate nei momenti meno adatti, in cui tutto ti aspetti tranne l’irreparabile caducità del lessico.

Ad esempio, terzo appuntamento con Mario (nome di grande fantasia…), passeggiata romantica al chiaro di luna, possibilità che finalmente si lanci in un primo bacio di sua spontanea volontà prima che tu lo assalga vorace. E lo mangi. Quando si volta verso di te, prende il tuo viso fra le mani, ti guarda negli occhi sognante e dice: “Se io avrei una stella…”.

Se io avrei… Se io avrei… Blackout.

Ecco, dopo potrebbe aver detto qualsiasi cosa, anche che è un multimilionario che ha deciso di comprarti tutto il pianeta terra o che è appena stato eletto sultano del Brunei e vuole te come sua unica moglie e regina, tanto tu la frase non l’hai più sentita.

A quel “Se io avrei…” ti si è gelato il sangue, non hai capito più niente, tutto si è fatto confuso e Mario è sparito dietro ad una coltre di nebbia fitta. E mò?

E’ chiaro che è stato un lapsus, succede a tutti, a tanti, anche a me, cioè a te. Ma come si può guardare avanti dopo un “se io avrei…”? Si può dimenticare ed andare oltre? E’ possibile fingere che nulla sia successo e magari rispondergli addirittura “Peccato non la avresti…”? Così, per andargli incontro e provare a te stessa che tutto si può accettare e che tu non sei superiore a nessuno.

Invece no, tu non parli più, lo fissi tra l’incredulo e lo sgomento, non riesci a guardarlo e senti il suo sguardo che languido-interrogativo aspetta da te una risposta, un cenno, un segno che gli dimostri di non essere uscito con un ologramma.

Ma intanto nella tua testa, in un micro secondo, si affollano idee e pensieri: “è solo il terzo appuntamento, troppa poca confidenza per fargli notare un errore grammaticale, è da maestrina saccente, è da prima della classe, è da frigida professoressa d’italiano, non posso farlo, non devo farlo, e poi se lo faccio rovinerò tutto il momento magico, non mi bacerà più, non vorrà più uscire, non mi chiederà in moglie, si rifiuterà di fare con me 4 figli (due gemelli di sesso a caso + un maschio e una femmina), non vorrà più comprarmi tutto il pianeta, né lasciarmi governare al suo fianco il suo piccolo regno da nababbi, e mia madre se scopre che mi sono permessa di correggere un raro esempio di sesso maschile che si sia degnato di chiedermi di uscire, farà di me mangime per piccioni!”.

Quindi niente, non hai scelta, lo guardi, sorridi e con voce debole e tremante dici: “Se io avessi. Non se io avrei…”.

E Mario sparì per sempre una sera d’estate.

Ma prima fu tanto carino da riportarmi a casa. Senza mai aprire bocca.

Così, mi sono ritrovata sola, di sabato sera, in una casa buia, con lo stomaco in subbuglio. Per la fame. Ma non era proprio fame, ma più che altro voglia di qualcosa di calorico che mi facesse dimenticare l’amaro vissuto…

Tutto quello che ho in casa è mezzo barattolo di crema alla nocciola. E voi direte: “E che vuoi di più?”. Voglio un gelato!

E come lo faccio in pochissimo tempo e senza ingredienti? Con le solite banane mature che stavano andando a male e sono state congelate.

Così estraggo dal frigo un sacchetto per surgelati nel quale avevo riposto 2 banane belle mature tagliate a tocchetti. Le verso nel mixer e frullo fino a che, magicamente, non si forma un composto cremoso. A questo punto aggiungo 3 generose cucchiaiate della mia crema alla nocciola e frullo di nuovo per far amalgamare il tutto. E in pochi minuti il mio gelato è già pronto.

Mario, che ti sei perduto!

N.B. Nel caso troviate errori grammaticali in questo testo, siete pregati di tenerveli per voi. Saputelli!

Annunci

42 Comments Add yours

  1. nuvolesparsetraledita ha detto:

    In effetti è triste 😢 ma vero: a me si sarebbe bloccato tutto (ed intendo proprio tutto… ) e non sarei più riuscita a combinarci niente (ed intendo proprio niente… )
    Ma io sono davvero quelle cose che hai scritto: M. Saccente, P. Frigida 😁
    Grande post! Bellissimo post!
    (il gelato l’ avrei comprato, però, perché sono una nullità in cucina 😞 😢)
    Ciao, buona giornata!

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Grazie per i complimenti!! Comunque sappi che a fare questo gelato non ci vuole veramente niente, se no l’avrei comprato anche io!! Buon martedì…

      Liked by 1 persona

      1. nuvolesparsetraledita ha detto:

        Ma io raggiungo livelli incredibili di incapacità
        E, forse per compensare, mia figlia cucina benissimo e ha un blog di dolci!
        Contrappassi misteriosi 😉

        Liked by 1 persona

      2. alincucina ha detto:

        Brava la figlia! Mi dici qual è il suo blog?

        Liked by 1 persona

      3. nuvolesparsetraledita ha detto:

        http://fiocchidinevefoglie.blogspot.it/
        Causa università, purtroppo l’ha un po’ abbandonato…
        Posso contattarti per una cosa che sto organizzando?

        Liked by 1 persona

      4. alincucina ha detto:

        Si certo, se posso aiutarti…
        Puoi scrivermi una mail su aliexia@tin.it

        Liked by 1 persona

  2. Cix79 ha detto:

    Se tu avrebbi avuto più pazienza Mario ti avesse conquistata di sicuro! Ai sprecato un occasione 😀

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Lo so! Ma io non avebbi mai avuto molto pazienza nella vita!!

      Mi piace

      1. Cix79 ha detto:

        O capito, ognuno di noi avessimo dei difetti, il tuo e la pazienzia!

        Liked by 1 persona

      2. Cix79 ha detto:

        E gli altri quali sono? La mia curiosità si fa avanti a spallate!

        Liked by 1 persona

      3. alincucina ha detto:

        Sei troppo curioso…Meglio non sapere!

        Mi piace

  3. Laura ha detto:

    Mario non ha studiato la grammatica ma e’ stato anche un po’ permalosetto, meglio cosi’, si sarebbe arrabbiato per un’altra cosa! Baci cara, il gelato lo faccio, e’ troppo buono, ❤

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Brava! E addio Mario!!!

      Mi piace

      1. Laura ha detto:

        Troverai quello giusto, non aver fretta, ❤

        Liked by 1 persona

  4. sidilbradipo1 ha detto:

    Il congiuntivo esprime desiderio e volontà. Ma anche dubbio, timore e irrealtà!
    Forse, Mario era indeciso su quale stella scegliere per dedicarti un’ode amorosa (o amorevole 😕 ). E tu gli hai stroncato la carriera 😛
    Buono il gelatuccio: gnammete!
    Bacio
    Sid

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Povero Mario! Certo che se ne fai un’analisi così accurata, mi fai venire i sensi di colpa… :))

      Liked by 1 persona

      1. sidilbradipo1 ha detto:

        Macchè! Sennò ci aumenta la glicemia, e il senso di ciccia-e-brufoli 😛
        Al prossimo congiuntivo, bacialo! 😀
        Bacio
        Sid

        Liked by 1 persona

      2. alincucina ha detto:

        A me non solo il senso, ma anche il tatto di ciccia e brufoli!

        Liked by 1 persona

  5. pornoscintille ha detto:

    Tutto sommato, la banana l’hai avuta (ho usato questa pessima battuta che fa sembrare Mario un gentleman come pretesto per dire che ho smesso di mangiare frutta esotica, piena di tiabendazolo – ma che cacchio è? – raccolta acerba e che non ha paragoni con una nostra bella persica ;-))

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Hai un modo piuttosto diretto per esprimere il tuo patriottismo ortofrutticolo. Ma a volte l’importante è raggiungere l’obiettivo. Quindi viva la persica (ma abbasso la banana non me la sento ancora di dirlo…)! ;-))

      Liked by 1 persona

      1. pornoscintille ha detto:

        Beh, ehm, se la metti così, non oso contraddirti 🙂 Il mio non è patriottismo, anche perché la patria è una delle stronzate più grosse che ci insegnano – difendere le ricchezze degli altri – ma buonsenso: se mangi frutta raccolta ieri vicino a casa tua, mangi qualcosa; se mangi un frutto raccolto due settimane prima, acerbo, pieno di conservanti e di antitutto (ci devono essere per legge, per impedire la diffusione di malattie e insetti), è come mangiare paglia.

        Liked by 1 persona

      2. alincucina ha detto:

        Su questo punto condivido assolutamente con te,
        tutti dovremmo avere un orto a km0! Però ogni tanto è importante anche aprirsi all’esotico. Ogni tanto…

        Liked by 1 persona

      3. pornoscintille ha detto:

        Esatto! Comunque, visto che è di stagione, non diciamo abbasso la banana quanto piuttosto viva la fica (il frutto, sempre. Se l’arancio porta l’arancia, il fico porta la fica, o no?)
        Beh, ehm, se ho esagerato, cancella tutto 🙂

        Mi piace

      4. pornoscintille ha detto:

        (no, pare che il frutto del fico si chiami fico. E’ una palese ingiustizia per farmi fare una figura meschina, una congiura)

        Liked by 1 persona

      5. alincucina ha detto:

        E si, la frutta congiura contro di te!

        Liked by 1 persona

      6. pornoscintille ha detto:

        Vado ad affogarmi dentro un barattolo di crema alla nocciola (Novi, non ferrero) per la vergogna e per oggi non scrivo più nessun commento.

        Liked by 1 persona

      7. alincucina ha detto:

        Fai bene! Comunque, ti consiglio la Rigoni…

        Liked by 1 persona

      8. pornoscintille ha detto:

        Nz, già provata: nella Novi ci sono le nocciole, nella rigoni, invece, l’olio di girasole blablabla, ma sempre olio di girasole è. Visto che è la mia ultima azione in questa valle di lacrime, che sia almeno in un vasetto di roba eccellente 😛

        Liked by 1 persona

      9. alincucina ha detto:

        Allora approvo le tue ultime gesta…

        Liked by 1 persona

      10. pornoscintille ha detto:

        Ehm, il mio suicidio? :-O

        Mi piace

      11. alincucina ha detto:

        Ma ricoperto di crema alla nocciola di ottima qualità!

        Liked by 1 persona

      12. pornoscintille ha detto:

        Ahahah, grazie, sei un tesoro! Vuoi favorire?

        Liked by 1 persona

      13. alincucina ha detto:

        Se non fossi a dieta…

        Liked by 1 persona

  6. Questo post insegna davvero che a volte è meglio essere ignoranti D:

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Giusto! Ma anche che a volte è meglio farsi guidare dal cuore che dalla grammatica…

      Liked by 1 persona

      1. A volte la grammatica ti salva, però! Io ho iniziato a pensare di cancellare e/o smettere di parlare con la gente razzista o che non sa scrivere… In futuro si rivelano tutte persone di merda 😄

        Liked by 1 persona

      2. alincucina ha detto:

        Ahahah! Hai le idee chiare a riguardo. Devo riflettere su quanto hai detto, forse hai ragione!

        Liked by 1 persona

      3. Si, mi sono accorta che i razzisti a lungo andare iniziano a diventare razzisti anche con te, quindi meglio allontanarsene finchè si è in tempo!

        Liked by 1 persona

  7. Enrico Califano ha detto:

    Frizzantissimo questo articolo in cui riconosco tantissimo i miei clienti… io come te ne ho tante da raccontare… ho un’agenzia di viaggi aperta al “pubblico” e che pubblico… solo che io non mi devo fidanzare con loro quindi quando esprimono i loro desideri in una grammatica di altri tempi rabbrividisco… e poi gli faccio firmare il contratto perchè alla fine è quello… se proprio devo sentirti “in-condizionato” almeno paga!

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Tu si che hai capito come evitare la solitudine della grammatica esatta: facendoti pagare!!!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...