Tramezzino, prendimi!

Tramezzino fragole e ricotta

Nella metà degli anni ’80, mentre il 90% della popolazione adolescente femminile (e non solo…), minacciava di sposare Simon Le Bon o di attraversare impervie barricate per gli Spandau Ballet, io speravo di essere presa e portata via (suppongo in Norvegia), dagli Aha. Non da tutti e 3, ma solo da quello con il nome più angosciante, ma anche più memorizzabile: Morten Harket.

Le mie richieste di fuga d’amore erano dirette soprattutto verso i videoclip dell’allora Videomusic. Quando si degnava di palesarsi al mio tubo catodico, perché al sud non in tutte le case si prendeva l’agognato canale. Da quelle parti “anche prima dell’avvento di Salvini” avevamo i nostri bei problemi…

Un sabato e caldo pomeriggio era previsto uno speciale sulla band e la visione mi era preclusa. Ma tra le fortunate detentrici del segnale c’era la mia loquace compagna di banco Alba. Come questa cosa fosse possibile, dati i pochi metri che separavano le nostre abitazioni, e’ da sempre uno dei più grandi misteri insoluti, degno almeno di una puntata di Quarto Grado.

Restava il fatto inconfutabile che lei fosse la prescelta dai signori del canale e quindi aveva l’obbligo di darmi asilo politico per il pomeriggio. Come tutte quelle che hanno il pane ma non i denti, degli Aha ad Alba non poteva fregarne di meno, lei pensava solo al latino, al greco e all’inglese. Per fortuna Morten ci deliziava proprio in quest’ultima lingua, quindi lei per amore del sapere si sacrificava, impegnandosi nel capire la costruzione dei testi e relativa traduzione.

A me invece importava solo di quel bel pezzo di norvegian wood. Avesse cantato pure in swahili, Morten sarebbe stato, sempre e comunque, il padre dei miei bambini!

La trasmissione iniziava alle 18 e io, proprio come ad un concerto dove mai potei andare, varcai il cancello del suo cortile già alle 15. Avevamo ben tre ore da impegnare, che Alba, da prima della classe quale era, pensava di trascorrere coniugando verbi in latino e greco. Illusa. Per 3 ore la costrinsi ad ingurgitare di tutto. Tanto lei era famelica e sotto peso. Il suo peso lo prendevo tutto io…

Terminato anche l’ultimo polaretto, le proposi un manicaretto degno della migliore pasticceria scandinava: toast ricotta e marmellata di fragole! L’affamata silfide acconsentì, decretandola la merenda ufficiale dei nostri concerti da divano.

E così, anni dopo, davanti al live televisivo della Pausini (perché il tempo passa ma le perversioni restano), decido di riproporre a me stessa la merenda da concerto in versione gourmand. Anche perchè non avevo molto altro…

In una ciotola ho mescolato 200gr. di ricotta di bufala con 2 cucchiai di zucchero a velo, scaglie di cioccolato bianco, 2 cucchiaini di cacao in polvere e un pizzico di cannella. Poi ho ricavato, con il mio fidato coppapasta, 6 quadrati di pane per tramezzini sui quali ho spalamato la crema e aggiunto dei pezzetti di fragola. Ho realizzato due strati per ogni porzione, alla cui sommità ho messo una bella fragola su uno stuzzicadenti e una spolverata di cacao. E ho mangiato con gusto.

 

BadgeMorten, Paul, Magne e la Norvegia tutta, votate!

Annunci

14 commenti Aggiungi il tuo

  1. Monica ha detto:

    Io l’ho sempre saputo che eri una donna brillante…con questo blog ho la conferma!
    Ewwiwa gli AHA…mia sorella in cameretta aveva messo i loro poster che uscivano su cioè anche sul mio letto…chiaro segno di quanto le davo fastidio all’epoca!!!! Pensa ero talmente imbambolata da Morten che mi feci fare il suo stesso taglio di capelli! Ma si puó?!?!?!?! Che stordola ahahaha

    Mi piace

    1. alincucina ha detto:

      Certo che farsi lo stesso taglio di capelli è un pò inquietante… In compenso io avevo i polsi ricoperti di lacci da scarpe per imitarlo. Grazie per i complimenti, tu mi hai sempre capita!!!!

      Mi piace

  2. sidilbradipo1 ha detto:

    Malvagia! Ti sei pappata i tramezzi senza il tuo bradipo 👿
    Fragole e ricotta ❤
    E la foto: mitica golosità ❤
    Morten Harket: è nato nel 1959. Oggi è un po' meno figoso ma mantiene un certo fascino vichingo 😀
    Potere del ghiaccio dei fiordi? 😕
    Bacio
    Sid

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Si, devo dire che il fascino è venuto un po’ meno, ma Morten resterà sempre il padre che avrei voluto per i miei bambini!!!

      Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Non lo sapevo!!!!!

      Liked by 1 persona

  3. milesweetdiary ha detto:

    Ciao! Leggo divertita. Mia sorella impazziva per Simon Le Bon. Io guardavo e capivo poco. Nick Kamen, più tardi, aveva il suo bel perché 🙂

    Mi piace

  4. Davvero simpatico l’articolo!! e poi… che famee!!!!!!

    Liked by 1 persona

  5. Hai appena conquistato il nostro cuore con questa ricetta ❤ e soprattutto con la tua confessione musicale!

    Mi piace

    1. alincucina ha detto:

      Ma grazie! Sono contenta che ha trovato riscontro. Gastronomico e musicale!

      Liked by 1 persona

      1. E la ricetta verrà sicuramente provata! :3

        Mi piace

  6. Rosalba ha detto:

    Ricetta interessante ed invitante, Ali!!. Devo provarla al più presto e vorrei conoscere questa Alba

    Liked by 1 persona

    1. alincucina ha detto:

      Ti piacerebbe molto!!!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...